Dieta vegetariana

A dir poco popolare negli ultimi anni, la dieta vegetariana può diventare un vero e proprio stile di vita all’insegna della salute, ma le accortezze cui prestare attenzione sono tante.
Se ben fatta la dieta vegetariana è molto sana perché elimina la carne rossa, che assunta in grandi porzioni fa male all’organismo, e il pesce.
A differenza della cucina Vegana però essa ammette tutti i cibi con derivazione animale, quindi sì a latte, miele, uova e formaggi.

La cucina vegetariana offre inoltre una grande varietà di piatti per tutte le occasioni: da semplici piatti per le cene tra amici alle ricette più ricercate e raffinate per le grandi occasioni.

Una dieta equilibrata

Va ricordato che prima di adottare una dieta vegetariana (come qualsiasi altra dieta dimagrante), è bene consultare un nutrizionista, che sappia indicare come bilanciare al meglio i nutrienti e come sopperire alla mancata assunzione di proteine animali. Il giusto equilibrio tra proteine, fibre ,carboidrati e grassi è importante per affrontare al meglio l’attività fisica giornaliera. Di certo questo tipo di regime alimentare può ridurre il colesterolo, i trigliceridi e la possibilità di incorrere in sovrappeso o nel diabete.

Possibili carenze

L’unica carenza che si può eventualmente riscontrare è quella da vitamina B12, soprattutto in particolari fasi della vita (infanzia, adolescenza, gravidanza, allattamento, vecchiaia). Si tratta di una vitamina di origine prettamente animale. Una carenza di B12 produce un eccesso di omocisteina, un aminoacido solforato che causa danni cardiovascolari.

Esistono integratori di vitamina B12 certificati per vegani e vegetariani, in quanto di origine fermentativa, secondo un procedimento del tutto naturale. Per la carenza di ferro, si devono sempre accostare cibi contenenti ferro a cibi ricchi di vitamina C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato.